Tag: TV

La Rai ritorna al futuro?

Il_gattopardo_ballo01Dal 17 maggio scorso, sul sito http://www.cambierai.gov.it/, è stata aperta una consultazione pubblica sul Servizio Pubblico radiofonico, televisivo e multimediale”, insomma sulla Rai del futuro. Questa consultazione, che sarà aperta fino al 30 giugno (quindi non moltissimo), ha lo scopo di raccogliere le opinioni dei cittadini/utenti su quale dovrebbero essere il ruolo e le priorità della Rai, visto che quest’anno scade la Convenzione tra lo Stato e appunto la Rai. In vista del rinnovo della Convenzione, che dovrà definire le nuove linee guida e gli obiettivi del servizio pubblico radiotelevisivo, cosa possiamo chiedere alla Rai del futuro?

SuperTrump

super_trump__by_gaudog-d9hu0fvCon il cosiddetto Supermartedì, che ha assegnato i delegati di undici Stati, le primarie in USA hanno fornito indicazioni che, se non definitive, sono ormai certamente nette, e lasciano profilare uno scontro per la Presidenza tra Hillary Clinton e Donald Trump, due candidati diversissimi, tanto da non sembrare davvero il prodotto di uno stesso sistema politico. Mentre Hillary Clinton è una “predestinata”, legata a doppio filo a tutti i “poteri forti”, Trump è un outsider che corre contro l’establishment del suo stesso partito, un’anomalia tanto evidente da sollecitare una riflessione sul perché e sul come sia potuto arrivare così vicino alla poltrona più ambita del mondo (e, chissà, sedervisi?).

Continua a leggere

La finta realtà televisiva costruisce vere opinioni negli spettatori

 

Mi faccio vanto di non guardare mai certe reti televisive e in particolare certi programmi. Lo so, è un atteggiamento snob indegno di un sociologo, commentatore e blogger, ma la mia ostilità è troppo forte e trovo modo di spiegarvela a partire dal recente caso di Striscia la notizia che ha licenziato in diretta due inviati, Fabio e Mingo, dopo avere appurato che la loro inchiesta su un finto avvocato barese era una bufala inventata di sana pianta, come altri servizi precedenti. La faccenda è venuta alla luce solo perché si è mossa la Procura che ha deciso di perseguire il presunto reo chiedendo atti e carte inesistenti. Se Fabio e Mingo si fossero limitati a costruire finti servizi su casi meno “sensibili” per un procuratore probabilmente sarebbero ancora al loro posto a scandalizzare bravi cittadini con finti preti, finti cartomanti, finti pescivendoli e altre finzioni che da decenni (questo è il punto) la televisione spazzatura propina per lo scandalo dei benpensanti, la rabbia degli indignati, l’incredulità dei creduli.