Categoria: Media e Social

– Mezzi di comunicazione di massa;
– Social media.
[NOTA: per “Internet” in generale c’è altra categoria]

La Rai ritorna al futuro?

Il_gattopardo_ballo01Dal 17 maggio scorso, sul sito http://www.cambierai.gov.it/, è stata aperta una consultazione pubblica sul Servizio Pubblico radiofonico, televisivo e multimediale”, insomma sulla Rai del futuro. Questa consultazione, che sarà aperta fino al 30 giugno (quindi non moltissimo), ha lo scopo di raccogliere le opinioni dei cittadini/utenti su quale dovrebbero essere il ruolo e le priorità della Rai, visto che quest’anno scade la Convenzione tra lo Stato e appunto la Rai. In vista del rinnovo della Convenzione, che dovrà definire le nuove linee guida e gli obiettivi del servizio pubblico radiotelevisivo, cosa possiamo chiedere alla Rai del futuro?

La stampa in Italia non è in pericolo, è solo mediocre

Presentazione1fdghj45678

Esce l’ennesimo indice globale in cui l’Italia ha punteggi vergognosi: è la volta della libertà di stampa in cui, secondo i promotori dell’indagine (Reporters Without Borders), siamo ben al 77° posto “dopo Burkina Faso e Botswana” (La Stampa) o dopo la Moldavia (la Repubblica) o il Nicaragua (il Fatto Quotidiano) a seconda di quale paese abbia colpito più la fantasia dei titolisti. Ogni volta che esce un rapporto di questo genere la stampa si scatena, con maggiore o minore veemenza, e io scrivo un post controcorrente per dire, sostanzialmente, che questi rapporti, coi loro indici, utilizzano di regola metodi discutibili

Hellzapoppin’ è qui. Ma non fa ridere

lettori di giornali

Mi scuso se userò esempi non di oggi: il tipo di discorso che vi voglio fare si presterebbe bene a essere fatto in tempo reale prendendo adesso una pagina di giornale ed esaminandola con disincanto. Non posso farlo e userò quindi la home page de La Stampa (scelta casuale) del 22 Ottobre 2015. Guardandola come insieme (come il famoso quadro che va capito facendo due passi indietro) mi ha colto un turbamento, un senso di allucinazione, non so bene come spiegarmi.

L’incauto uso del sarcasmo retorico nel web 2.0

441

Non molto tempo fa abbiamo pubblicato un articolo dal titolo Soluzioni praticabili al problema dell’immigrazione attirando alcune critiche. Poche, per la verità, ma non sempre i critici hanno voglia di esprimersi con una protesta esplicita e quindi potremmo avere urtato la suscettibilità di più persone. L’oggetto del contendere – per chi non avesse letto il testo – è che le “soluzioni” da me proposte appaiono eccessive e ciniche: o un lassismo cieco che consenta agli emigrati una miserabile vita di carità pubblica o un’azione muscolare con ferreo presidio delle coste, respingimenti in mare e, qualora servisse, l’uso delle armi.