Facebook, Cambridge Analytica, e perché non possiamo fidarci

Magari per le prime pagine dei giornali è già roba vecchia, ma i mercati hanno memoria più lunga: da quando il “caso Cambridge Analytica” è venuto alla luce, le azioni di Facebook hanno continuato a perdere valore, tanto vertiginosamente quanto erano salite fino allo scorso febbraio. Guardate questo grafico, preso da un articolo del New York Times: dai valori massimi raggiunti appunto a febbraio, la capitalizzazione di Borsa di Facebook è calata di circa 100 miliardi di dollari. Mica noccioline, no?

azioni fb

Ma cominciamo, come nelle migliori tradizioni, con un riassunto delle puntate precedenti. Sebbene fossero circolati sospetti e ipotesi di manipolazione delle elezioni USA fin da praticamente subito dopo la vittoria di Trump, la vera “bomba” è esplosa quando Christopher Wylie, un analista dati ex collaboratore di Cambridge Analytica (che abbrevierò in CA), ha svelato il modo in cui la sua ex azienda (un’agenzia di consulenza politica all’epoca guidata da Steve Bannon, il noto esperto di comunicazione politica e consigliere di Donald Trump) aveva raccolto tramite Facebook i dati personali di 50 milioni di americani per poi usarli per una campagna politica “personalizzata” a favore di Trump. Cambridge Analytica era già stata indicata come “responsabile” (nel bene o nel male) di aver influenzato gli elettori impiegando le più avanzate tecnologie di intelligenza artificiale e Big Data per individuare esattamente quale messaggio far arrivare a quale elettore, e di aver usato Facebook sia per raccogliere informazioni per profilarne gli utenti, sia come canale per raggiungere ciascuno di essi con un messaggio il più possibile personalizzato.

Intendiamoci: si tratta esattamente delle stesse tecniche che i più moderni approcci di marketing impiegano per convincerci a comprare questo o quel prodotto, e anche per questo la cosa aveva suscitato interesse ma non propriamente scandalo, e sia Facebook che Cambridge Analytica non avevano subito conseguenze negative, a parte dover discutere i probabili coinvolgimenti della Russia nelle campagne a favore di Trump. La situazione per Facebook è precipitata appunto con le rivelazioni di Wylie, che ha reso noto che CA aveva usato un “test di personalità” su Facebook per raccogliere informazioni non solo su chi lo aveva usato, ma anche su tutta la rete di “amici” di ciascun utente, arrivando appunto a 50 milioni di profili. E, aggiungiamo, è importante essere consapevoli che, usando appunto le tecniche a cui accennavo sopra, si stima che bastino poche decine di like (a pagine, prodotti, ecc.) per costruire un profilo piuttosto attendibile di ciascuno di noi, anche relativamente a preferenze, come quelle politiche, che non sono esplicitamente incluse nei like analizzati. Insomma, questo affaire è un intreccio tra ricercatori, imprenditori, politici e governi di cui una parziale sintesi è riportata in questa infografica del Guardian:

infografica

Il problema è che a essere profilati sono stati in prevalenza utenti che non avevano espresso alcun consenso, anzi, che non avevano neanche usato l’applicazione incriminata. Questo ha posto Facebook sul banco degli imputati per aver consentito e anzi facilitato questo “rastrellamento” di dati, e molti personaggi (a partire da Jim Cook, il capo di Apple) e aziende hanno espresso pubblicamente critiche o si sono cancellati da Facebook, sventolando la bandiera di #DeleteFacebook. Le azioni di Borsa del più popolare social del mondo sono crollate, e Mark Zuckerberg è stato costretto a un post pubblico in cui, oltre a elencare i motivi per cui gli utenti dovrebbero continuare a nutrire fiducia in Facebook, ammette anche che la sua società ha commesso “errori” e fa ammenda. Fin qui, i fatti; vediamo ora di sottolineare alcuni punti importanti, per poi arrivare alle nostre personali conclusioni.

In primo luogo, CA, usando in questo modo i dati raccolti da Facebook, ha violato le regole fissate da Facebook stesso per limitare appunto abusi delle informazioni sugli utenti. In secondo luogo, è esperienza comune che quasi tutti gli utenti di Facebook utilizzano con leggerezza giochi o applicazioni del tipo “scopri che personaggio dei fumetti sei”, concedendo l’autorizzazione all’accesso ai propri dati senza sapere a chi, né se davvero l’uso di quei dati sarà conforme allo scopo dichiarato dell’applicazione. Infine, è vero che nel corso degli anni Facebook ha applicato maggiori controlli e restrizioni, per cui oggi lo stesso tipo di abuso sarebbe più difficile e meno efficace. Insomma, una posizione certamente ragionevole è: bisogna essere utenti consapevoli; Facebook ha delle regole e offre degli strumenti per gestire la propria privacy, ma se non siamo in primo luogo noi a proteggere i nostri dati, c’è poco da fare. Una linea di pensiero di questo tipo è illustrata ad esempio dall’ottimo Matteo Flora, un esperto di Internet e comunicazione che da tempo sottolinea i rischi di un uso superficiale e inconsapevole dei social, nel video qui sotto:

Come al solito, le considerazioni proposte da Matteo Flora sono ineccepibili, e seguire le sue raccomandazioni è sicuramente un’ottima cosa da fare. Eppure, stavolta sono convinto che alle parole di Flora sia necessario aggiungere qualcosa.

Come abbiamo scritto già anni fa, l’oro di Internet siamo noi. La ricchezza di Mark Zuckerberg, e di tutti gli azionisti dei social network, è sostanzialmente data dal valore dei dati che gestiscono, ossia dei nostri dati. Facebook non vende, in pratica, altro; e il valore di questi dati è, inevitabilmente, proporzionale al profitto che altri possono ricavarne (e, per inciso: ovviamente non è certo solo Facebook a far soldi con i nostri dati. Potete leggere questo interessante articolo su Valigia Blu per saperne di più). Facebook ha certamente un interesse a rispettare formalmente le regole e ad apparire preoccupato di proteggere la nostra privacy, ma in realtà se la proteggesse troppo efficacemente si darebbe la zappa sui piedi. Il vero interesse di Facebook è che i nostri dati possano essere usati per proporci la pubblicità più efficace possibile, perché questo è ciò che più di tutto aumenta il valore di Facebook stesso. Quindi, se è vero che CA ha violato le regole di Facebook, è anche vero che a Facebook conviene che ci sia chi le viola, perché queste violazioni creano valore per Facebook.

Quando Matteo Flora dice che Facebook interviene solo quando episodi come questo attirano l’attenzione dei media e la perdita di reputazione diventa un danno economico, dice la verità, ma la ragione non è una “colpevole leggerezza”. La ragione è che questi abusi sono in ultima analisi nell’interesse di Facebook, salvo quando, come in questo caso, diventano così visibili ed eclatanti da danneggiarlo. Quindi, ricapitoliamo:

  1. È senz’altro importante conoscere sia gli strumenti che Facebook mette a nostra disposizione per controllare l’accesso ai nostri dati, sia gli effetti del nostro comportamento quotidiano. Andate a dare un’occhiata alle vostre impostazioni di privacy!
  2. Evitiamo di utilizzare indiscriminatamente applicazioni e giochini, di autorizzarli a raccogliere anche informazioni che nulla hanno a che fare con il loro contenuto, ed evitiamo di mantenerle autorizzate anche mesi o anni dopo aver smesso di usarle.
  3. Ricordiamo però che, per quanto attenti siamo, non riusciremo mai a controllare del tutto la circolazione delle nostre informazioni, perché se ne fossimo davvero capaci per Facebook non varremmo niente. Per parafrasare un vecchio detto, l’unico dato che nessuno potrà mai estrarre dal nostro profilo Facebook è quello che non ci mettiamo.

Ah, un’ultima cosa: come si è appurato, oltre alle Presidenziali USA Cambridge Analytica, o altre agenzie ad essa collegate, hanno lavorato per influenzare (non necessariamente e non sempre illegalmente, intendiamoci) molti altri appuntamenti elettorali, a partire dal referendum per la Brexit. Potremmo chiederci: sono intervenute anche nelle nostre ultime elezioni politiche? Su questo, limitiamoci per ora a osservare l’interessante coincidenza per cui Steve Bannon in occasione delle nostre elezioni si trovava in Italia, per poi commentare entusiasticamente i risultati, e ricordiamoci che, come consumatori e come elettori, la miglior difesa che abbiamo contro la propaganda è ragionare con la nostra testa.

4 commenti

  • Piccola correzione: il ceo di Apple si chiama Tim Cook, non Jim 😉

  • Vittorio Mori

    Le persone “influenzabili” (i.e. i beoti) non dovrebbero nemmeno votare, secondo me, ma siccome hanno il diritto di farlo, sono “l’oro di internet”. Adesso li influenza facebook, ai vecchi tempi era la propaganda, i capipartito, i ciclostili tra gli operai, i libri. Cambia il media, che è potente pervasivo e immediato, ma il concetto è lo stesso. Tutta questa manfrina è la malcelata invida delle TV di stato, dei giornali di partito, e di tutto il classico ambaradan che si vede scippare quel bel 7/8% di beoti che, in tempi di incertezza politica, fanno da ago della bilancia. Poi siccome c’è di mezzo Trump, che è il Grande Male, tantopeggio: se lo faceva Obama tutto sarebbe stato passato come piccola celia: l’ha fatto Il Male indi si sbraita al “totalitarismo”, come ai tempi di Berlusconi Travaglio parlava di REGIME, con tanto di hitler e mussolini al potere – a brevissimo – . Solite cose ridicole. Inoltre gli utentei sono STIMATI in 50milioni, si continua a martellare su questo numero come fosse scritto nelle Tavole della legge, quando invece è una stima, e di questi “50 milioni” non si sa nemmeno QUANTO sia stato efficace un banner con su scritto “vota trump, che è bravo”. Quanti milioni di “santini” con le facce più improbabili venivano mandate nelle caselle di posta, con su scritto “vota per me” ? L’ha fatto facebook, ed è CRIMINE, furto di identità e stronzate continue. Siamo profilati ? Eccerto, sennò l’iscrizione a Facebook diventerebbe tipo Amazon Prime, 50€ all’anno e si iscriverebbero 4 gatti. Così è tutto gratis, a costo della profilazione. L'”oro” non siamo “noi”, l’oro è che una fesseria come facebook sia stimata in borsa in quel modo pomposamente RIDICOLO, come se ne venisse fuori qualche cosa di buono da un album di figurine.

    • Articoli come questo servono appunto a diffondere la consapevolezza sui meccanismi del “direct marketing” digitale e sulle cautele che è giusto avere.
      Quanto all’efficacia, c’è tutta la differenza del mondo tra il classico “santino” elettorale lasciato nella cassetta della posta e una campagna personalizzata sui social. È per questo che anche le aziende spendono tanti soldi in sistemi di machine learning e big data. Non sono solo i beoti a essere influenzabili.

      • Vittorio Mori

        Io fui influenzato una volta, e molto, dai discorsi di Grillo, una 15ina di anni fa in tempi pre-“movimento”. Soprattutto quelli ambientali: vivo in campagna, nelle marche, e mi trovo con discariche/discarichette dappertutto, gestione della zootecnia/agricoltura meccanizzata con tecnologia del 1970, sentire certe cose era musica per le mie orecchie. Fecero presa anche i discorsi di “democrazia diretta” perché, nei miei 31 anni all’epoca, si votava si votava ma non sembrava cambiare NULLA: tasse sempre quelle, foglietti dappertutto, professori imbalsamati, raccomandati ovunque. Alla prova dei fatti è stato tutto un furbo marketing “profilato” sulla nostra generazione di impoveriti 30/40 enni. Adesso sono arrivati – finalmente – i napoletani & i lombardi/veneti al potere (coppia assai improbabile) , dopo la solita parentesi fiorentina che voleva cambiare l’italia chiamando un banale Decreto Lavoro “Job’s Act”. A parer mio non cambia un accidente, ma invidio chi c’è arrivato lassù, a fregarsi un lauto stipendio. Quelli sono “stimati”, alla prova dei fatti, con ingenti somme di denaro, mangiano da Cannavacciuolo, noialtri a lavoretti spot siamo la generazione Eurospin. I pensionati si spendono tutto sulle slot machines, sui montascale elettrici e sulle grattugie per le verdure a 9,90€ che te ne mandano DUE. Negli uffici pubblici si AMMAZZANO DI SEGHE in milioni, come sempre, e qui fioccano lettere verdi con dentro multe, equitalia coi bolli, benzina a 1,5 al litro, marche da bollo pure per andare a pisciare, bollette con dentro il canone RAI (altro feudo della masturbazione feroce e continua). In Italia sembra che niente valga niente, perché chi si fa le seghe prende 1800€/mese, mentre chi lavora ne prende 300 – quando va bene. Indi la promessa elettorale del reddito di cittadinanza, finalmente, ti permetterà -magar per un certo tempo – di farti le seghe a 800€/mese e di giocare ai videopoker quelle 7/8 ore in più alla settimana. E’ giustizia sociale: che rubino pure un pochino i poveracci. Cazzo.

        P.S. Post demenzial-populista scritto dopo l’ottava tazzina di caffé.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...