Le forme molteplici dell’opposizione alla destra

E, già che ci siamo, insieme a Berlusconi perfino la borghesia “benpensante”, la stessa che mostra con naturalezza i dorsi della “Treccani” nei propri arredi domestici, magari accanto al ritratto a olio del nonno in uniforme di ufficiale del Reggimento “Nizza Cavalleria”, quell’altrove sociale comunque liberale, non riconducibile alla peggiore reazione, anche quei signori dovrebbero fare fronte contro chi vede nella sia pure imperfetta Europa politica e monetaria ogni male del mondo e, come da bannerino su Facebook, orina sulla tomba di Altiero Spinelli. Gli stessi che, giusto per citare alcuni “segnali di fascismo” indicati da Umberto Eco, hanno orrore per il “linguaggio limitato e ripetitivo”, “abuso della paura del diverso”, “appello ad una classe sociale frustrata”, “esaltazione della volontà popolare” come nel peronismo, ammesso che sappiano chi era quest’ultimo…

Fulvio Abbate, Il Sessantotto della destra, “HuffPost” 13 ott 2018