Vivere a lungo. Perché?

Sempre più spesso leggiamo di nonnini e nonnine ultracentenari, e qualche veloce servizio giornalistico ci fa vedere i visi segnati da troppi inverni, le bocche sdentate, i capelli stopposi, gli occhi qualche volta appannati e qualche volta meno mentre, circondati da nugoli di parenti, spengono le candeline della torta. Ora sappiamo che i biologi affermano che potremmo campare anche 115 anni, e oltre. Ci pensate? 115 anni e oltre! 116? 120 forse? E chissà, fra altri dieci anni, col progresso medico e tecnologico, potremmo forse arrivare a 130? Ma – è questa la vera domanda, per me – per fare cosa? Vivere 115-120 anni perché? Non si starà confondendo “vivere” con “campare”? Perché io ho questa convinzione: a 120 anni, ma anche molti meno, una persona può campare, ma difficilmente riesce a vivere.

In Italia siamo messi già benino: abbiamo alla nascita una speranza di vita di 82,3 anni, e siamo undicesimi al mondo in questa particolare classifica.

Schermata 2017-06-30 alle 08.54.11

Fonte: IndexMundi.

Secondo uno studio pubblicato da Lancet e riportato da Repubblica, nel 2030 in Corea l’aspettativa della vita femminile sarà di 90 anni e otto mesi; in Italia – sempre fra le prime posizioni – di 87,28 anni. Quello che deve colpire è la velocità con la quale si innalzano le speranze di vita alla nascita. In Corea, per esempio, in due decenni le speranze di vita sono cresciute di ben sei anni. Facile quindi immaginare che nei paesi ricchi, occidentali, progrediti, tenori di vita sempre migliori, cure mediche, buona alimentazione favoriscano un rapido aumento di questo indicatore. Da tenere presente poi che l’aspettativa di vita è un valore medio, che include persone più sfortunate che muoiono presto e, appunto, gli ultracentenari. Non sarà quindi per me, o per una parte dei miei lettori, ma per le giovani generazioni si prospetta un futuro di lunga vita. Ma, ancora, per fare cosa?

Certo, in questo momento, sentendomi attivo, vigile, mentalmente sveglio (almeno credo, mia moglie dubita un pochino…) non avrei alcuna voglia di morire; questo senso di presenza nel mondo tendo probabilmente a proiettarlo nel breve futuro, immaginandomi tal quale fra un paio d’anni, fra cinque… sempre uguale qui con la mia Maya a passeggiare pensando a quali post scrivere su Hic Rhodus. Ma l’esame di realtà mi fa distaccare da questa illusione del mio ignaro io interiore; io lo so che fra un numero di anni non poi così ampio Maya non ci sarà più, faticherò a fare le mie solite passeggiate, non troverò sufficienti motivazioni per scrivere e, facendolo, sentirei una nuova, inedita stanchezza; scrivere, che è la cosa che più mi piace fare, incomincerà a pesarmi, le idee saranno più confuse e la loro formulazione più penosa. Ci sono fior di intellettuali di alcune decadi più vecchi di me che appaiono, alla lettura, lucidissimi e vigorosi, certo; altri meno. Dicono che il lavoro intellettuale mantiene sveglio il cervello e quindi ho qualche speranza ma, al dunque, davanti a me c’è il declino, non il suo contrario. Allora mi immagino vecchietto, parzialmente inabile e da accudire, non in grado di scrivere o – peggio – di utilizzare le tecnologie di blogging disponibili fra qualche anno; impacciato a guidare l’auto e sempre più consapevole dello spavento dei miei familiari quando decido di uscire di casa. Insomma: so che arriverà quel momento, quel momento in cui sarò lucido abbastanza per capire che sarò arrivato alla vera fine: quella dell’incapacità di essere il me stesso idealizzato che ancora rappresento: mentalmente aperto e vivace, capace di relazioni, di scambio, di evoluzioni interiori. Da quel punto in poi io so che non vivrò più, anche se potrò ancora campare a lungo.

Schermata 2017-10-23 alle 08.36.27La differenza fra vivere e campare è a me chiarissima. Vivere è scrivere, leggere, viaggiare, avere relazioni ricche. E’ osservare con pungente interesse la crescita di mio nipote. E’ accogliere come sfida il problema professionale ed essere in grado di immaginare soluzioni innovative per risolverlo. E’ comprendere il mondo, o credere di comprenderlo, e relazionarmi attivamente ad esso. Campare è il contrario di tutto ciò; se il mio organismo è “vivo”, respira, mangia, dorme, ma la mia mente sarà spenta, appassita davanti alla televisione senza comprenderla, parcheggiato davanti a una finestra a fissare, nel vuoto, qualche frammento di ricordo confuso, quella non è vita. La vita è quella della mente, non quella del corpo. Il disabile Stephen Hawking è mille volte più vivo dell’ultimo tronista della De Filippi.

Posso immaginare un futuro, più lontano, in cui alla speranza di vita si accompagni anche una qualità di vita, con centenari che alla mattina fanno jogging e poi vanno al lavoro (non vorrete che legioni di centenari arzilli vadano in pensione a 65-70 anni?) e alla sera si rotolano fra le lenzuola con le loro spose, parimenti centenarie. Sarà probabilmente così, ma oggi no. La vecchiaia, per il nostro organismo, è una patologia. L’evoluzione non ci ha programmati per vite troppo lunghe:

  • il 50% dei tumori appare fra persone oltre i 70 anni (40 volte maggiormente a rischio rispetto ai giovani – fonte);
  • il 75% di ictus colpisce le persone oltre i 65 anni (fonte);
  • la demenza senile è in crescita nei paesi occidentali e, in Italia, colpisce l’8% degli ultra sessantacinquenni e il 20% degli ultra ottantenni (fonte).

Siamo diventati longevi troppo in fretta, non per progressione evolutiva ma a colpi di progresso medico, biologico, farmaceutico. Non a caso gli anziani sono grandi consumatori di farmaci, fino a 3 volte superiori al dato medio nazionale (fonte), perché i disturbi vanno alleviati, le malattie prevenute e, sostanzialmente, la paura della morte incombe.

La paura della morte ci inganna. Il Grande Ignoto ci terrorizza e finiamo per accettare il vile compromesso del campare. I familiari ti ricattano affettivamente, con le pasticche non stiamo poi così male, qualche amico defunto ti ha dato il senso della tua fragilità spaventandoti, il domani è a portata di mano, andiamo avanti ancora un po’, ancora un po’… Pur dubitando di statistiche di questo genere, secondo StatisticBrain sono ben il 68% gli americani che avrebbero paura di morire; possiamo immaginare abbastanza attendibile la stima e generalizzarla anche ai nostri lidi. La paura di morire, è abbastanza noto e accertato anche da alcune ricerche (p.es. questa), non riguarderebbe tanto il “chissà cosa c’è dopo” ma il trapasso in sé, l’eventuale malattia, il dolore e la paura del processo che ci fa spegnere questa vita. Molti affermano “non ho paura di morire ma del possibile dolore della morte”; può essere vero, ma io credo lo sia solo in parte e, probabilmente, per persone più giovani.

La paura di morire, io credo e mi potrò sbagliare, è la paura di non avere vissuto. Chi vive non dovrebbe avere paura della morte. Non è il morire, il problema, ma come vivere, come si è vissuto, cosa si è donato.

7 commenti

  • Piero Indrizzi

    “La morte, la scomparsa ……. bisognerebbe assolutamente non pensarci. Nella vita quotidiana, nel normale comportamento fisico, non è possibile vivere da condannati a morte. Ma se non si è responsabili della propria nascita, lo si è, in qualche modo, della propria morte. Quello che non si può dimenticare, è la paura di avere paura, il disgusto di diventare disgustosi, l’impotenza ad evitare l’impotenza. Ed anche il terrore di essere dominati come bambini, di farsi manipolare. L’incubo di diventare altro da quello che si è, di pensare in un altro modo o addirittura di non pensare più del tutto. E, ancora, l’angoscia di dover essere passivi, di venire maneggiati senza poter reagire, ne esprimersi e neppure chiedere. Insomma lo spettro del vegetale.
    A questo punto il veleno perde il suo carattere sleale per diventare un amico.
    Il difficile: scegliere il momento giusto. Troppo presto, è stupido. Troppo tardi, è impossibile. E porsi questa alternativa, forse è già tirarsi indietro. Non esiste il momento perfetto in questo campo.”
    (Fraçois Jacob – La statua interiore)

  • Quello che descrivi è uno mali morali dell’ umanità, oggi aggravatosi fino all’ assurdità. Condivido il tuo punto di vista sul significato di vivere, contrapposto al campare, o sopravvivere. A chi non scoccerebbe lasciare questa vita terrena, l’unica che abbiamo dal mio punto di vista di atea filoagnostica, e cessare di fare tutte quelle cose che ognuno di noi ama? Per me l’angoscia della morte, oggi come oggi, è collegata al pensiero doloroso di non poter più vedere i miei figli, che sono le uniche due persone che amo veramente, e di non poter coccolare e viziare i miei nipoti non ancora concepiti. Di cose nella vita ne ho già fatte anche troppe, sento di aver vissuto pienamente, e finchè il corpo e la mente mi saranno vicini continuerò a farne altre, sono una persona curiosa, e la vita è un’ avventura. Certo, morire con dolore fisico dev’essere orribile, ma confido nella generosità del corpo medico nell’ iniettare le cure palliative, a ancor più spero che il nostro Governo la pianti di ignorare che l’ eutanasia è un atto di grande compassione e amore, e prima o poi la rendano legale. Aggiungo che il caso vuole che, proprio la scorsa estate, abbia fatto la badante a un signore di 93 anni, con un’ emiparalisi da ictus, su sedia a rotelle, con defibrillatore impiantato sotto pelle, dentiera, apparecchi acustici, incontinenza urinaria e fecale, diabete, insufficienza renale di 4º grado e disfagia (dovevo frullargli il cibo, come quando si svezzano i lattanti). Non dico altro se non che le prime settimane, sul cammino di rientro a casa, piangevo. Ai miei figli ho detto : vi chiedo in ginocchio di non farmi fare mai e poi mai quella fine. Se arriverò a quell’ età, chissà in che condizioni, e saremo ancora amici, ne riparleremo. Ti abbraccio, ora che ho ancora le braccia che funzionano e rispondono agli stimoli cerebrali, Ross

  • Per quanto mi riguarda la mia paura é quella di lasciare i miei cari da soli. Così come mi rendo conto che senza di loro vivere non avrebbe senso.
    Nel contesto del tuo discorso, nella sua parte più tecnica si inserisce il concetto di anni liberi da patologia. Pur essendovi una componente di percezione individuale rilevante (essere ipertesi o financo diabetici non comporta necessariamente una vita grama) é indubbio che i dati statistici indicano come, assieme, all’aumento degli anni attesi di vita, siano aumentati gli anni di convivenza con le proprie cronicità. Sarà su questo aspetto, fortemente esacerbato dalla solitudine (che é un’amplificatore di tutti i mali) e sul controllo del dolore cronico (verso il quale non abbiamo ancora quello che servirebbe) che dovremo lavorare. Ciao

  • Ci ho pensato tanto ultimamente, a questa cosa, e sono d’accordo. A far paura è soprattutto il non aver vissuto, e aggiungerei il non aver condiviso, o il non poter più condividere. Forse il non poter più amare. Tutto il resto, inclusi il dolore e la solitudine inevitabile della morte, sono secondo me meno spaventosi.

  • L’affrontare la morte é la vera ragione che ha generato la filosofia e anche la religione. Di fronte alla morte come lei dice, una persona rimette in discussione la vita. Ci sono tra l’altro studi specifici sul tema.

  • Mi è sempre parsa strana una cosa: non ci turba l’eternità senza noi che ci ha preceduto, ma quella che ci seguirà. Aveva ragione il poeta Ripellino: “Dio esige l’impossibile/Dio ci obbliga a morire”. E’ la Vita che sempre chiede sè stessa, che cerca di replicarsi all’infinito, che trova inconcepibile la propria fine…

  • “Il disabile Stephen Hawking è mille volte più vivo dell’ultimo tronista della De Filippi”.
    Sissì, è opinione tua, tanto per scrivere, ma chi vuoi che abbocchi. Che ne sai tu dei tronisti e di Hawking? Nada de nada, tiri solo acqua immota al tuo muilno.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...