10 considerazioni a margine del Family Day

co143456950-8d9ed2dd-c2f7-4dba-8b79-27360ba3fd7f.jpg

Sabato 30 Gennaio si è tenuto a Roma il Family Day per manifestare contro la proposta di legge sulle unioni civili. Anche se avete letto ormai di tutto ecco alcuni pensieri hicrhodusiani.

  1. Non è chiaro alla stragrande maggioranza dei partecipanti che la legge – cosiddetta Cirinnà – non è una legge sui matrimoni gay. Ma semplicemente sulle unioni civili fra due essere umani dello stesso sesso uniti da un forte legame affettivo che desiderano fruire di diritti elementari relativi al patrimonio, la sanità e l’assistenza e così via. La legge è facile da leggere e capire, mi chiedo quanti partecipanti al FD l’abbiano fatto.
  2. Non è chiaro alla stragrande maggioranza sopra citata che la legge (nella formulazione attuale) non consente l’adozione da parte di coppie gay ma solo la cosiddetta stepchild adoption, ovvero l’adozione di un figlio naturale avuto dall’altro membro della coppia (per esempio in un precedente matrimonio). Certo, ci sono anche omosessuali che hanno figli (naturali, quindi loro) avuti da precedenti relazioni eterosessuali, e se ora hanno una stabile storia affettiva con una persona del loro stesso sesso e regolarizzano la loro unione non si capisce perché anche i figli di uno dei membri non debba essere “regolarizzato” nei diritti e doveri rispetto al nuovo partner del genitore o genitrice.
  3. Quella massa di gente non riesce neppure a capire che i diritti garantibili con la legge Cirinnà sono diritti civili tipici di uno stato laico e sovrano. Se le loro credenze religiose li porta a ritenere che vivere (fra omosessuali o fra eterosessuali, anche se loro sono in realtà ossessionati solo dai primi) fuori dai sacramenti sia peccato agli occhi di dio, occorre spiegar loro che la legge non elimina l’eventuale peccato e non interviene affatto sulla retrograda dottrina sociale della Chiesa (non scalfita in alcuna parte dall’attuale Papa); è facoltà di ogni individuo credere oppure no in una dottrina religiosa e nei suoi precetti, mentre dovrebbe essere diritto di tutti (indipendentemente da tali credenze) godere di diritti inclusivi che non possono discendere – come nell’ipocrita Italia – da concessioni statuali ma essere garantiti a tutti come principio precedente l’ordinamento istitutivo della nazione, come ovvie condizioni di partenza per la convivenza di una comunità eterogenea e complessa (vale per l’orientamento sessuale come vale per le credenze religiose, le scelte di fronte alla fecondità e alla morte e così via).
  4. eng134043918-537e762e-a6db-4cb7-8f01-6d77f2222dfbUna conseguenza del punto precedente, anch’esso chiaramente non compreso da quella stessa piazza, è la loro libertà di continuare a fare ciò che vogliono. Loro possono tranquillamente continuare a sposarsi in chiesa, far figli solo per non aver voluto usare il condom, non abortire perché la vita è sacra eccetera, tutte le cose che a loro sembrano giuste fare. Nessuna legge dello stato glielo impedirà, mentre loro vogliono impedire una legge dello stato che tuteli coloro che non la pensano allo stesso modo. Questa asimmetria nei diritti è uno scandalo insopportabile: i cattolici fondamentalisti e più ottusi, assieme a fascisti e altra compagnia pochissimo raccomandabile, vorrebbero utilizzare strumenti democratici per impedire il godimento di diritti altrui, senza che nessuno minacci i loro medesimi diritti. Questo orientamento illiberale è intollerabile proprio per la democrazia che consente loro di impedire “democraticamente” il pieno godimento della vita altrui. Va notato en passant che si tratta di un comportamento tipicamente fascista-clericale, come si trova in altri paesi dispotici.
  5. E comunque hanno una compagnia imbarazzante: omofobi patentati, fascisti duri e puri, puttanieri e pedofili, pluridivorziati e concubini. Per carità, capisco che questo è un argomento debole perché ignora il mistero della redenzione, del perdono e dell’accoglienza nella comunità dei credenti delle pecorelle smarrite; fatto è che sfilare assieme a certi individui dovrebbe creare un evangelico sentimento di imbarazzo di fronte ai sepolcri imbiancati assurti a paladini dei non-diritti per gli altri.
  6. La regolarizzazione anche delle coppie omosessuali è presente nella stragrande maggioranza dei paesi occidentali. Anche questo non è un grande argomento, sia chiaro, perché non è mai detto che la maggioranza abbia ragione ma, insomma, se il contesto dei paesi che condividono larghi tratti della nostra stessa cultura hanno discusso e approfondito e deciso che non c’è ragione all’ostacolo all’ampliamento dei diritti, forse una riflessione dovremmo farla.
  7. bamb134041914-2f0cf3f2-2ac0-497b-8ae8-205b1d255cd4I bambini usati come scudi ideologici da questi benpensanti, in particolare – è evidente – per contrastare ogni forma di adozione da parte di gay, sono un altro scandalo che grida vendetta. Ma poiché a ogni studio serio che mostra e argomenta che i bambini cresciuti in coppie omosessuali non hanno particolari problemi viene contrapposto un altro studio di parte che argomenta il contrario, chiederei semplicemente a questi difensori dei bambini se hanno idea dell’enorme quantità di abusi e maltrattamenti di minori nelle sacre famiglie di impronta cattolica; dell’enorme quantità di violenza familiare cui devono assistere; dell’insopportabile condizione dei bambini abbandonati e istituzionalizzati (ne abbiamo parlato un po’ QUI e un po’ QUI). La famiglia santificata da questi sciocchi, illiberali, catto-fascisti, è sostanzialmente quella ariana e felice del vecchio Mulino Bianco prima di Banderas: una famiglia finta, con finte felicità e finte relazioni, ragazzini senza brufoli e mogli felicemente casalinghe.
  8. Fermo restando il loro diritto a manifestare, tale manifestazione non deve dar adito ad alcuna particolare preoccupazione o conseguenza, e la guerra dei numeri sui partecipanti è ridicola. È arcinoto, e provato da numerose ricerche da non pochi anni, che la grande maggioranza degli italiani è favorevole alle unioni fra omosessuali (meno alle adozioni), figurarsi fra eterosessuali! Quindi non importa un fico secco se a Roma erano un milione o due, o forse solo trecentomila (rinvio su questo a un post precedente).
  9. Il Family Day si è tenuto in Italia, non a Londra o Washington, ma un tratto distintivo degli ignoranti è darsi una patina esterofila; vale anche per stepchild adoption, per no-tax day, per jobs act e via discorrendo, sia chiaro, e rispetto a tutto quanto precede si tratta veramente di una sciocchezza ma a me dà fastidio.
  10. ricorderemo-bfe2c413-3b94-4f41-ab33-1eb984f394c4Infine: la piazza minaccia scioccamente il potere con un “ci ricorderemo”. Evidentemente sono stati mal consigliati da qualche comunicatore improvvisato. Arrivati a questo punto anche noi ci ricorderemo. Noi laici, noi inclusivi, noi tolleranti e relativisti, noi favorevoli ai diritti per i cattolici ma anche per i non cattolici, per gli sposati e i non sposati, gli eterosessuali e i gay. Anche noi ci ricorderemo l’eventuale tradimento dell’ultimo momento, in dirittura d’arrivo, di una legge di buon senso e di amore.

(Ringrazio il lettore Davide che mi ha segnalato un equivoco sul testo di legge citato e su alcune conseguenti considerazioni. Il testo di questo articolo è stato conseguentemente corretto il 1° Febbraio. Mi scuso coi lettori)

 

5 commenti

  • Ammetto. Mi hanno fatto un po’ paura. Il “ci ricorderemo’ in particolare. Spero siano meno di quanti li ha fatti sembrare la televisione. Spero siano meno certi di esseri i “portatori della giusta verità” di quanto non siano sembrati. Spero che il “ci ricorderemo” non spaventi nessun’altro oltre me.

  • Già con il punto uno hai preso un granchio perché il ddl in discussione è il 2081 che tratta di unioni fra persone dello stesso sesso…

    • Il link da me citato riguarda la “disciplina delle unioni civili” che all’art. 1, primo comma, recita: “Due persone maggiorenni, anche dello stesso sesso, di seguito denominate «parti dell’unione civile», possono contrarre tra loro un’unione civile per organizzare la loro vita in comune.” Contro questa legge è stato convocato il Family Day e di questo parla il mio articolo: “Persone [tutte] ANCHE dello stesso sesso”.

  • Mi spiace ma il ddl Cirinnà n. 2081 in discussione al Senato è la sintesi di vari disegni di legge unificati. Quello da te citato risale al 2013. La principale modifica è il riferimento all’articolo 2 della costituzione
    “Art. 1.
    (Finalità)
    1. Le disposizioni del presente Capo istituiscono l’unione civile tra persone dello stesso sesso quale specifica formazione sociale.”

    http://www.senato.it/leg/17/BGT/Schede/Ddliter/46051.htm

    Uomo e donna che vogliono rendere pubblica la loro “unione civile” possono molto semplicemente unirsi in matrimonio con diritti e doveri conseguenti e costituire una famiglia naturale riconosciuta e tutelata dall’articolo 29 della costituzione

    • Già, un equivoco increscioso. Ho provveduto a correggere il testo e ho aggiunto una nota finale riconoscendo l’errore. La ringrazio per la segnalazione.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...