Quando le libertà e i diritti confliggono fra loro

Notizia importante: l’Islanda si approssima al divieto della circoncisione, che verrà punita con ben sei anni di carcere. Orbene: l’Islanda è un posto remoto di 334.000 abitanti, con 250 ebrei e 1.500 musulmani, ed erroneamente qualcuno potrebbe trovare stravagante anche il solo parlare di questa sciocchezzuola. Che invece si presta straordinariamente bene per discutere dell’usuale conflitto fra presunti diritti e pretese libertà, e di come si debba comportare un regime democratico, liberale, capace di trovare una soluzione giusta. E così la nostra riflessione dovrà trattare di cosa sia “giusto” oppure no. Prima di iniziare sgomberiamo il campo da alcune questioni, più o meno importanti, ma che non tratteremo in questo articolo:

  1. qui non discutiamo dell’orrore delle mutilazioni genitali femminili; il nostro pensiero, di totale e ferma condanna, lo abbiamo già espresso QUI;
  2. qui non discutiamo neppure della profonda stupidità relativamente alla presunta igiene della circoncisione maschile; come forse saprete una pratica “medica” assai diffusa per esempio negli Stati Uniti indipendentemente da motivazioni religiose (se siete interessati potete trovare dei resoconti critici QUI e QUI);
  3. e infine non ci interessano le motivazioni religiose, che riguardano specialmente ebrei e musulmani; di questo aspetto abbiamo discusso QUI e ci basta.

Senza titolo.001La nostra riflessione riguarda solo la risposta che lo Stato deve dare di fronte alla presenza di (apparenti) contraddizioni relative alle libertà individuali; in questo specifico caso si confronta la libertà di culto e appartenenza religiosa con la libertà di applicare procedure religiose (per esempio la circoncisione) che manifestamente ledono i diritti di terzi (per esempio i minori costretti a subire l’intervento). Quale diritto deve prevalere?

La risposta è meno semplice di quanto possa apparire perché se “libertà religiosa” è un diritto, lo è nell’insieme delle sue manifestazioni: non solo è un diritto credere pubblicamente all’insieme dei valori propugnati, ma anche alle procedure e riti che sono parte costitutiva di quell’essere religione. Se noi diciamo agli ebrei “siete liberi di praticare la vostra religione”, ciò significa che possono riposare il sabato, mangiare cibo kasher, celebrare il bar mitzvah e un sacco di altre cose che riguardano il loro essere di religione ebraica. Questa libertà appartiene, analoga, ai musulmani, ai cattolici, ai protestanti e così via. Il problema si pone quando una o più di queste pratiche (di qualunque religione) confligge con altri principi democratici quali l’integrità fisica e la tutela dei minori, che non hanno scelto di essere circoncisi. Il conflitto nasce solo in quanto si può ritenere la religione (qualunque) un punto di vista. In questo unico senso, l’essere ebrei (o musulmani, o cattolici…) e seguire rigorosamente quella religione riguarda la libertà di “opinione” piuttosto che una particolare libertà con uno statuto specifico. Se tu, in quanto ebreo (musulmano, cattolico…) vuoi mangiare kasher, sono assolutamente affari tuoi, come il credere nell’Antico Testamento. Sono tue opinioni, come quella che ti farà decidere per chi votare alle elezioni, quali quotidiani leggere, a quale sindacato iscriverti e quale film vedere stasera in TV. Ma questa libertà è “inferiore” a quelle dell’integrità fisica e della protezione del minore.

E’ piuttosto ovvio che chi sente in profondità la verità della sua fede può non essere  del tutto d’accordo. La fede – dirà costui – non è affatto un’opinione, Dio non è un’opinione ma fonte di Verità; chi sente la propria fede come una Verità rivelata mette codesta rivelazione sopra ogni altra cosa, anche sopra il diritto. Anzi (e qui c’è il fondamento giuridico della questione) come fonte del diritto. Approfondiamo un attimo. Tutte le nostre leggi sono debitrici a una fonte di autorità. Lo schema che segue (fonte) mostra come funziona in Italia e – con le piccole specificità del caso – nel mondo Schermata 2018-02-22 alle 14.48.51occidentale. Guardiamo il caso specifico.

Gli articoli 19 e 20 della nostra Costituzione contemplano la libertà religiosa in un quadro, comunque di possibili limitazioni:

  • di ordine pubblico (non si può organizzare una manifestazione religiosa senza avvertire l’autorità che, in linea di principio, può vietarla);
  • per riti “contrari al buon costume” (un concetto desueto, sì, ma non è questo che ora importa);
  • ma soprattutto, e più rilevante:

sussiste sempre un limite implicito che è connaturato a tutti i diritti: la necessità di tutelare altri diritti o interessi aventi rilevanza costituzionale […] L’ordinamento statale può, così, tutelare i diritti dei fedeli all’interno delle confessioni, limitando la libertà di queste ultime solo quando sono in gioco diritti fondamentali. Infatti, a prescindere dallo svolgimento dei riti del culto, non è mai consentita la limitazione dei diritti di libertà per motivi religiosi (sono perciò vietate la segregazione, la sottoposizione a sofferenze, anche di carattere psicologico, o lo svolgimento di riti macabri e/o sacrificali satanici).

Più in generale, un profilo particolarmente delicato in materia di libertà di culto è oggi rappresentato dalla impossibilità di ricondurre alla semplice identità religiosa determinate pratiche cruente, espressioni di modelli culturali spesso difficilmente assimilabili a quelli presenti sul nostro territorio. Di fronte a simili contrasti, la risposta legislativa oscilla tra rispetto dell’identità e politica di repressione; un esempio di quest’ultima è in particolare offerto dalla L. 7/2006, che introduce gravi sanzioni per il nuovo reato di mutilazione degli organi genitali femminili (che trova nei fini religiosi il suo fondamento). (Fonte).

 

Perché questa supremazia del diritto sulla religione? Per una ragione semplice: il diritto “mondano” (laico, tipico di una democrazia liberale) è inclusivo, mentre il “diritto” religioso (tipico di una teocrazia mediorientale) è esclusivo. Per il religioso, se sei buddhista non sei cattolico, se sei musulmano non puoi essere induista, mentre per il laico tu puoi essere quello che vuoi sia come scelta religiosa, che politica, che di altra natura, e avrai sempre gli stessi diritti, per esempio di accesso alla sanità, alla giustizia, alla scuola e così via. La necessità dell’inclusione deve garantire parità di diritti e di trattamento, e quindi le fonti del diritto laico sono necessariamente sovraordinate a quelle religiose. Quindi lo Stato ha tutti i diritti – nell’ambito delle proprie competenze e orientamenti costituzionali – di proibire pratiche cruente come l’infibulazione e la circoncisione ma, come abbiamo scritto altre volte, anche l’eventuale proibizione del velo integrale e del burkini. Ci sarebbero ottimi motivi, e certi libertari distratti che a suo tempo hanno protestato a favore del velo e contro ogni divieto dovrebbero iniziare a fare un ripassino di diritto, prima ancora che un’analisi sociologica e antropologica del reale significato sopraffattorio di questi marcatori pseudo-religiosi di subalternità femminile (ne ho trattato anche QUI, oltre ai link precedenti).

Ecco perché trovo discutibile il sonno italiano verso le pretese dei cattolici più oltranzisti che si mettono in politica come cattolici, e non come cittadini (Binetti, per intenderci); costoro godono dell’inclusività dello Stato laico, e utilizzano i suoi strumenti democratici per chiedere privilegi esclusivi, il più vergognoso dei quali è il Concordato, da cui discendono l’insegnamento della religione a scuola, l’uso ostentato del crocifisso negli uffici pubblici, le tutele e i privilegi della Chiesa che non solo la premiano rispetto a ogni altro credo religioso ma anche dai semplici diritti dei cittadini, contribuendo a disparità intollerabili.

Non saremo mai una società veramente libera fin quando non ci affrancheremo, come collettività, come Stato, da ogni vincolo religioso, che deve restare un diritto individuale da esercitare nell’ambito del rispetto di ogni altro diritto dei cittadini.

circumcision.jpg

4 commenti

  • Occorrerebbe utilizzare l’ultimo periodo per farne poster e magliette…

  • Ma c’è qualche lista che il 4 marzo si presenta indicando fra i suoi programmi “abolizione del concordato e fine dell’insegnamento della religione a scuola e soggezione della Chiesa e delle sue attività commerciali alla tassazione né più né meno degli altri cittadini”?
    Ditemelo, che la voto subito.

  • Claudio Antonelli (Montréal)

    Multiculturalismo, religioni e uguaglianza
    “Siamo tutti uguali” è un alto principio morale che tutti noi apprezziamo e condividiamo. Ma oggi il “tutti uguali” è un po’ meno valido in Canada, dove io vivo, in conseguenza proprio del celebrato multiculturalismo di Stato. In Ontario, ad esempio, è stato permesso a una donna musulmana di tener celato il viso dal niqab al momento di prestar giuramento alla Regina durante la cerimonia di acquisizione della cittadinanza canadese. La ragione di questa eccezione all’obbligo, valido per tutti, del viso scoperto? Il rispetto dell’Islam.
    Similmente, al lavoratore che sia giunto in Canada da lidi esotici – quasi sempre afflitti, noto en passant, da tenaci odi religiosi – spetta il diritto di assentarsi dal lavoro nelle ore che la sua religione dichiara festive. I diritti fondamentali lo impongono. Peccato però che in tal modo vada a gambe all’aria il principio d’uguaglianza. E, così, sempre per la precedenza che si accorda alla religione sulla laicità, nelle scuole del Québec il pugnale alla cintola è permesso agli studenti Sikh; ma solo a loro. E così sono permesse le scuole confessionali dove si insegna la fedeltà e l’amore per una mitica patria lontana, e l’autoesaltazione delle mitiche tribù di provenienza, senza che i docenti, tutti super-religiosi, mostrino il minimo rispetto per i programmi educativi del Québec e del Canada.
    Io trovo paradossale questo rispettare da parte delle autorità statali i catechismi altrui, senza alcuna analisi critica preliminare degli ammaestramenti di tali catechismi. Prima di fare un’eccezione a favore di qualcuno per la sua non adesione a una regola di comportamento obbligatoria invece per il popolo autoctono, le autorità civili, idealmente, dovrebbero accertarsi che tutti gli altri obblighi religiosi, imposti all’immigrato dal suo particolare credo, siano da lui diligentemente osservati. Quei musulmani, ad esempio, che vogliono che nel paese dal quale sono stati accolti si rispetti la loro usanza di pregare anche durante le ore di lavoro, o quella di pregare in massa, all’aperto, in luoghi pubblici monopolizzando il suolo a proprio uso e consumo… ebbene questi musulmani si astengono dall’alcol, dalla carne di maiale, e durante Ramadan, nelle ore diurne, dal cibo e dal sesso? E si attengono con rigore agli altri rigorosi dettami della loro religione, come ad esempio l’obbligo della carità (zakat)?
    Un tale accertamento dell’autenticità e della buona fede da parte del fedele sarebbe, sì, molto difficile da attuare, e lungo e costoso… Ma perché credere sulla parola a chi si professa obbediente a questo strano dio unico che, attraverso i suoi discordanti profeti, le sue varie incarnazioni, e i suoi molteplici libri sacri e catechismi, agli uni dice una cosa e agli altri un’altra?
    Chi impone alla società laica i propri doveri religiosi dovrebbe dimostrare che i suoi non sono capricci ma la convinta adesione ai nobili dettami di una religione che fa di lui un cittadino con un alto senso del bene comune. Cittadino che rispetta il suo Dio; ma che dovrebbe allora rispettare anche il nostro Cesare: dare a Cesare quel che è di Cesare…
    In Canada, invece, il nostro Cesare, a causa della nostra religione laica dei diritti umani, è costretto talvolta a genuflettersi alle esigenze tribal-religiose dei singoli gruppi.
    Il giurista Robert Poupart ha denunciato in questi termini il fatto che il principio d’uguaglianza tra i cittadini sia stato messo in scacco, anzi è il caso di dire: è andato a farsi benedire, a causa dei dogmi religiosi dei cittadini, distinti tra loro per setta e tribù religiosa di appartenenza:
    “Lo stato canadese crea una società a geometria variabile. I diritti dipendono dalla religione del cittadino: secondo la sua fede religiosa, un cittadino potrà costruire una capanna sul balcone del suo appartamento, portare un’arma bianca a scuola, indossare un turbante invece del berretto prescritto per i poliziotti, seguire un programma scolastico particolare, gestire una scuola confessionale sovvenzionata, prestare giuramento col viso coperto. L’interdizione di discriminare sulla base della religione diviene un vettore di discriminazione sulla base della religione.”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...