Non omologatevi!

aqKt3hwGNy4

La verità è dentro di noi. La verità siamo noi. Poiché guardiamo il mondo dall’interno verso l’esterno (dall’interno del nostro “io” verso il mondo fuori di noi) tutto ciò che è prossimo a “noi” (le nostre idee, i nostri valori…) riverbera di luce chiarissima e ci sembra illuminare l’oscurità selvaggia della jungla di stupidità in cui siamo immersi. Noi sappiamo; capiamo; vediamo. Gli altri sono sciocchi o, peggio, in malafede. Noi sappiamo le cose, conosciamo la verità. Dobbiamo necessariamente dirla al mondo. Urlargliela. E insultare coloro che diabolicamente si mettono di traverso, perché se lo meritano. Di contro chi afferma, come noi, le stesse verità, è un alleato, un amico, un fratello. Se afferma ciò che noi affermiamo è evidentemente un giusto e noi lo applaudiamo. E se afferma ciò che noi affermiamo vuole dire che è dimostrata la nostra intelligenza, la nostra verità.

In un mondo sociale e interconnesso come quello contemporaneo, dove l’edonismo e la sopravvalutazione dell’io è regola, noi ci sentiamo in obbligo di dire, dire, dire la nostra verità. Ma il più delle volte quella che declamiamo non è affatto vera.

Mangiate merda, milioni di mosche non possono sbagliare. Siamo tutti indignati. Vediamo tutti lo schifo. E di chi è la colpa? LA LORO! La casta! I ladri! Politicanti affamati di poltrone! Prendete un sacco di soldi e noi poveracci moriamo di fame! Il Governo non fa nulla! I giornalisti sono venduti… Oops, scusate, dovevo scrivere tutto a lettere maiuscole e aggiungere un po’ di punti esclamativi. Perché noi siamo DAVVERO indignati, e loro sono DAVVERO degli infami. E poiché lo dico io, lo dici tu, lo dice lei, su Twitter non ci si salva è sempre ‘sta solfa, allora non può non essere vero. Sì, sì, noi siamo gli indignati, lo siamo tutti assieme tenendoci per mano e ritwittandoci l’un l’altro la nostra indignazione. Che bello, tutti assieme! Se milioni di italiani sono indignati, non possono sbagliare!

Un po’ di analisi storica? Giusto per capire come siamo arrivati a questa situazione? Troppo noioso? Troppo faticoso? Proviamoci, dai. Per esempio vogliamo parlare dei trent’anni di consociativismo dove il sindacato ha chiuso gli occhi su mille e mille situazioni scandalose (Ilva come esempio può bastare?) per garantire la sua gestione conservatrice su certe categorie di lavoratori? I trent’anni di welfare gonfiato col debito pubblico per garantire la pace sociale? Le poste, le ferrovie e la pubblica amministrazione piene di figli di famiglia, ché uno stipendio dovevano pur portarlo a casa? Le migliaia di assegni di invalidità dati con leggerezza fino a non tanti anni fa perché altro non erano che integrazioni al reddito? La cementificazione, il consumo del territorio e gli abusi regolarmente sanati perché, sia chiaro, la casa è un diritto? Le baby-pensioni, per cui a quarant’anni andavi in pensione e campavi ovviamente fino a novanta, e noi stiamo ancora pagandole? Le infiltrazioni mafiose ovunque, perché tanto “qui da noi la mafia non esiste”? Le tasse non pagate con la complicità di tutti, perché se le pagavi eri decisamente un fesso? E le vagonate di miliardi destinate al Sud con la famigerata Cassa per il Mezzogiorno, patto scellerato che rinnovò quello agrario del secolo precedente, denunciato già da Gramsci? La scuola e l’Università sfasciate assai prima dell’arrivo della Gelmini, perché bisognava aumentare i laureati (titolari di un certificato) ma non i colti e i meritevoli? Devo continuare?

E allora di chi è la colpa? Ah, sì, certo, della kasta, di quei farabuttoni che in questo modo hanno avuto consenso, potere e poltrone, vero? Noi invece, gli indignati, no, noi no… Eppure questi 30, o a pensarci bene 40 anni di figli, nipoti, zii che hanno accattato uno stipendio o una pensione, si sono fatta la casetta, non hanno pagate le tasse, non siamo forse tutti noi? Per favore non ditemi “io no!”. Indubbiamente sono tanti quelli che non hanno fatto abusi, che hanno pagate le tasse e così via, probabilmente chiudendo gli occhi sui parenti, o sui vicini, che invece qualche magagna l’hanno fatta. Casomai piccola piccola, trascurabile, la povera nonna era ancora in gamba ma si è fatta riconoscere un’invalidità fasulla così con l’assegno campa meglio e non sta sulle nostre spalle…

Il meccanismo è così semplice che lo capisce anche un bambino: il popolo mangia (gravando sul debito) ed è contento (sfasciando un po’ di territorio, gonfiando un po’ l’occupazione, svalutando un po’ la Lira…); in cambio il Potere continua a fare i cavoli suoi. (Non mi dite che non vi riconoscete in questo quadro: è stato teorizzato come “concertazione”, un bene collettivo, ma io lo chiamerei “consociativismo”, una vera sciagura).

Oggi paghiamo i conti. Siamo nell’Euro e non possiamo fare una politica monetaria svalutativa; il debito pubblico ci stronca; il tessuto economico e produttivo è fragile non solo per i capitalisti inetti (sarebbe facile) ma anche a causa dei problemi precedenti; la pubblica amministrazione deve ridurre i costi; le pensioni di invalidità si danno col contagocce solo a chi ha un piede nella fossa; i servizi pubblici e la sanità non potranno non subire ulteriori drastici ridimensionamenti. E non possiamo dire, semplicemente, è colpa della kasta. Dopodiché sì, indubbiamente sì, questa classe politica è inetta. Nel momento più buio della nostra storia recente non siamo premiati da una lungimirante classe politica capace di indicare la strada d’uscita… Però… se l’avessimo non la riconosceremmo. Perché oltre a tutto, sventura che si aggiunge a sventure, siamo tutti così intelligenti e straordinari che non riusciamo a mescolarci, ad adattarci, a conciliarci, a negoziare (no, non “inciuciare”; negoziare, accettare compromessi, trovare accordi). Siamo tutti splendidi, siamo tutti disponibili a dire “No e poi no!” pur di non compromettere il nostro sangue blu della sacra verità che ci appartiene, a non recedere da un qualsivoglia “diritto” acquisito. E torniamo tristemente al primo paragrafo (ma se volete resistere, non subendo il fascino della falsa indignazione, e diventare come me “vulcaniani”, potete approfondire QUI).

L’unica resistenza, oggi, l’unica rivoluzione, è quella che lotta contro questa omologazione piagnona. Basta coi roboanti rivoluzionari in poltrona, capaci di scaldarsi il cuore spedendo tweet ustionanti quanto inutili. Usiamo la testa. Capiamo il mondo. Discutiamo spogliandoci delle appartenenze. Facciamo autocritica. Accettiamo il confronto. Costruiamo e condividiamo conoscenza. Basta indignazione da salotto. La rivoluzione deve incominciare nelle nostre teste e nelle nostre azioni quotidiane, che includono le azioni politiche (votare, iscriversi a un partito…) ma non si esauriscono in esse.

E soprattutto, fondamentale: NON OMOLOGATEVI!

 

(Una prima versione è stata pubblicata su MenteCritica il 4 Luglio 2013)

4 commenti

  • Premessa: non sono d’accordo su diverse cose scritte nel post, tuttavia sono d’accordo su alcune cose, credo, fondamentali. Mi scuso per la lunghezza, ma il tema è complesso, e, ovviamente non si può sviscerare in un semplice post.

    Cosa significa “non omologatevi”? Nel momento stesso in cui uno dice “Questo che sto esponendo è il mio pensiero, e non sono omologato…” probabilmente è succubo di un’omologazione di segno diverso, anche se non se ne rende conto. (E anch’io non sfuggo alla regola).
    D’accordissimo sull’analisi storica: se siamo arrivati a questo punto è “anche” colpa nostra. Ma è proprio tutto da buttare? Voglio dire che fin che succedevano tutte quelle cose (giustamente) stigmatizzate, l’Italia era la sesta (o settima, cambia poco) potenza industriale del pianeta. E anche ora, se le eccellenze del made in Italy vengono comprate a man bassa dagli stranieri (ho letto da qualche parte che sono anche soldi italiani che rientrano per vie traverse… ma forse è una bufala) qualcosa vorrà pur dire, o stiamo buttando via anche le eccellenze?
    Ho l’impressione che tutto questo sia il risultato di un cambiamento di orizzonte (vedi ad esempio l’ascesa dei BRICS) al quale facciamo fatica ad abituarci. Sempre per restare in tema, mentre fino a qualche decennio fa gli attuali BRICS sembravano destinati ad essere gli eterni secondi o terzi della classe, ora le cose sono cambiate, sia pure in prospettiva, ed è molto difficile rielaborare una strategia che tenga conto dei nuovi fattori.
    Nel pollaio dei primi le cose non vanno più tanto bene (vedi sopra) e a farne le spese sono i più deboli dei primi, cioè noi.
    Certamente i fenomeni sono più complessi che in passato e la frammentazione dell’informazione non aiuta, ma da qualche parte occorre pur cominciare. La politica è l’arte della mediazione (qualcuno lo chiama compromesso?), del possibile (qualcuno dice che ci si accontenta di vivacchiare?). Occorre però trovare una strada che sia condivisa, e soprattutto mettere da parte le piccole rivalità per essere d’accordo sui grandi temi, non solo in economia, ma anche in politica. Ad esempio il ruolo di primo piano nella mediazione tra le opposte sponde del Mediterraneo e tra est e ovest.

  • Mia madre ha usufruito di una pensione baby ed ha potuto fare volontariato in tante colonie feline, una sorta di supergattara. Io non lo dico in giro, ma ne sono molto contento, per i gatti in particolare. Resta comunque un esempio paradigmatico di una poliica che ha regalato privilegi in quel presente facendo deficit come non esistesse un futuro in cui doverlo ripagare. E, per quel poco che capisco, creando un fardello di privilegi acquisiti diffiile da smantellare. Poi è arrivato il grande babau della globalizzazione che ha scoperchiato le nostre carenze (più di altri) e del quale non riesco a farmi un’idea se sia più il bene o il male (o se ne esista una sola modalità di attuazione) ma il fenomeno é irreversibile, a meno di catastrofi epocali, certo non auspicabili. Ciao

    • @ Robo

      Il termine irreversibile, non mi piace. Anche il comunismo sovietico era (o sembrava) irreversibile.
      Inoltre, secondo me, il termine “globalizzazione” andrebbe sostituito con “adesione ad un determinato modello finanziario-militare-capitalista” ma mi rendo conto che globalizzazione è più semplice e rassicurante.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...